L’Artrosi delle Ginocchia: Una Guida Completa

  • Artrosi delle Ginocchia e l’Importanza degli Esercizi Posturali Distensivi

L’artrosi delle ginocchia è una condizione medica che affligge milioni di persone in tutto il mondo. Mentre la medicina e la fisioterapia offrono diverse opzioni terapeutiche, gli esercizi posturali distensivi personalizzati eseguiti a casa sono diventati una componente essenziale nella gestione e nel trattamento di questa patologia.

  • Comprendere l’Artrosi delle Ginocchia

L’artrosi è una forma di artrite degenerativa che colpisce le articolazioni, in particolare le ginocchia. È caratterizzata dalla progressiva perdita di cartilagine, il tessuto elastico che ammortizza le estremità delle ossa. Man mano che la cartilagine si consuma, le ossa possono sfregare direttamente l’una contro l’altra, provocando dolore, gonfiore e riduzione della mobilità.

Le cause dell’artrosi delle ginocchia variano da individuo a individuo, ma spesso includono una combinazione di fattori genetici, invecchiamento, stress o infortuni precedenti all’articolazione e altri problemi di salute correlati. Altre cause più di carattere posturale sono la lenta riduzione della mobilità delle caviglie, che porta ad una ripercussione negativa nello scarico del peso in generale. Una riduzione del tono muscolare, causato spesso dalla eccessiva sedentarietà, che si traduce in un mancato sostegno dell’articolazioni.

Inizia il tuo percorso di allenamento personalizzato di ginnastica posturale con il mio Metodo Postural Home, sfoglia i miei servizi di allenamento e contattami per prenotare la tua prima lezione.

  • Gli Esercizi Posturali: Una Panoramica

Gli esercizi posturali sono specificamente progettati per migliorare la postura e allungare il corpo. Sono spesso raccomandati per persone con problemi muscolo-scheletrici, compresa l’artrosi. La loro efficacia risiede nella capacità di rilassare e allungare i muscoli e nel de-compattare l’articolazione riducendo la pressione e migliorando la circolazione sanguigna nelle aree interessate promuovendo la guarigione. A migliorare la loro efficacia c’è la respirazione profonda che ha l’obiettivo di riossigenare il sangue. Questa combinazione di movimento distensivo, miglioramento della circolazione e respiro profondo agevolerà i processi di rigenerazione dei tessuti. Quando eseguiti correttamente e regolarmente, possono contribuire significativamente a ridurre il dolore e migliorare la funzionalità delle ginocchia. Inoltre, è importante tenere sotto controllo il peso del corpo infatti, prolungati periodi di obesità possono agevolare il deterioramento delle ginocchia e se si hanno asimmetrie negli arti inferiori ( per esempio varismo o valgismo delle ginocchia o delle caviglie ) la situazione degenera più rapidamente.

  • Benefici degli Esercizi Posturali Distensivi per l’Artrosi delle Ginocchia
  1. Miglioramento della Circolazione: La corretta circolazione sanguigna è essenziale per trasportare nutrienti essenziali alle articolazioni e ai muscoli, promuovendo la guarigione e riducendo l’infiammazione.
  2. Rafforzamento Muscolare: Gli esercizi possono rafforzare i muscoli intorno alle ginocchia, offrendo un maggiore supporto all’articolazione e riducendo il carico su di essa.
  3. Aumento della Flessibilità: L’allungamento regolare attraverso questi esercizi può migliorare la flessibilità, riducendo il rischio di infortuni futuri.
  4. Riduzione del Dolore: Molti pazienti riferiscono una riduzione significativa del dolore dopo aver incorporato gli esercizi posturali distensivi nella loro routine quotidiana.
  5. Maggiore ossigenazione: Essere concentrati sull’esercizio porterà ad una maggiore presa di coscienza del respiro con tutti i benefici annessi per vari tessuti.
  • Esempi di Esercizi Posturali per le Ginocchia
  1. Allungamento del Quadricipite: In piedi accanto a una parete o a una sedia per equilibrio, afferra delicatamente la caviglia sinistra con la mano sinistra e tira indietro fino a sentire un leggero stiramento nella parte anteriore della coscia. Mantieni per 15-30 secondi e ripeti sull’altro lato.
  2. Rinforzo del Quadricipite: Da seduto prova a distendere la gamba e mantienila distesa per 15-30 secondi e ripeti sull’altro lato.
  3. Esercizio del Ponte: Sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate e i piedi appiattiti sul pavimento. Lentamente solleva i fianchi dal pavimento, stringendo i glutei. Mantieni per 10 secondi, poi abbassa lentamente.
  4. Allungamento del Polpaccio: In piedi a circa due piedi da una parete, metti le mani contro il muro alla larghezza e all’altezza delle spalle. Fai un passo avanti con il piede sinistro e spingi i fianchi in avanti, mantenendo il tallone destro a terra. Dovresti sentire uno stiramento lungo la parte posteriore della gamba destra.

Per altri esercizi vedi il video giù in fondo.

  • Personalizzare gli Esercizi a Casa

Ogni individuo è unico, e così è la sua condizione di artrosi. Ecco perché è fondamentale personalizzare gli esercizi in base alle proprie esigenze. Ti Consiglio vivamente di consultare un professionista del settore come me o un altro collega per ottenere una serie di esercizi personalizzati.

Inizia il tuo percorso di allenamento personalizzato di ginnastica posturale con il mio Metodo Postural Home, sfoglia i miei servizi di allenamento e contattami per prenotare la tua prima lezione.

Alcuni aspetti da considerare:

  1. Livello di Dolore: Alcuni esercizi potrebbero non essere adatti a chi ha un elevato livello di dolore. In questi casi è meglio consultare il medico.
  2. Mobilità: Le persone con limitazioni di movimento potrebbero aver bisogno di esercizi modificati e di una persona in presenza.
  3. Consistenza: La chiave del successo è la costanza. Gli esercizi devono essere eseguiti regolarmente per vedere i benefici.
  • Conclusione

L’artrosi delle ginocchia può essere una condizione dolorosa e debilitante. Tuttavia, con l’approccio giusto, compresi gli esercizi posturali personalizzati, è possibile gestire e anche ridurre i sintomi. Mentre l’importanza della consulenza medica professionale non può essere sottolineata abbastanza, prendersi cura delle proprie ginocchia a casa attraverso l’esercizio può fare una grande differenza nella qualità della vita di un individuo. Ricordati che devi essere tu a prenderti cura delle tue ginocchia con impegno costante. Cerca di vedere queste articolazioni che ti sostengono e ti permettono di muoverti nel mondo come l’anello di una catena e vedere il corpo come un’insieme. Assumere farmaci/integratori e rivolgersi a dei professionisti è solo il primo passo.

Concludo con un consiglio ovvero, prova a porti la seguente domanda:

“Perché sto soffrendo con le ginocchia proprio in questo periodo della mia vita?” La risposta te la potrai dare solo tu!

La Pedana Vibrante come antidoto contro l’Osteoporosi

pedana vibrante e osteoporosi

Cerchi l’antidoto contro l’osteoporosi? Scopri la Pedana Vibrante unita alla ginnastica personalizzata

Cos’è l’Osteoporosi?

L’Osteoporosi è una patologia che si manifesta a livello osseo con una riduzione della densità dei cristalli di calcio e con conseguente deterioramento strutturale. Si evolve in modo differente tra i vari distretti osteo-articolari e colpisce maggiormente le donne soprattutto dopo la meno pausa.

Cos’è la Pedana Vibrante?

E’ una pedana che emette micro vibrazioni sussultorie verticali (ovvero su e giù) che si ripercuotono principalmente sul sistema muscolo-scheletrico provocando tanti mini riflessi da stiramento (il riflesso che si ha sui muscoli quando per esempio si eseguono dei salti).

Una singola seduta può durare anche solo 30 sec.. Ci si posizione in piedi sulla pedana assumendo la posizione di squat isometrico (a gambe piegate) e attivandola si avvertirà tutto il corpo vibrare. L’effetto che si avvertirà sulle gambe, anche se per così poco tempo, sarà quello di sentirle affaticate come se avessimo fatto un centinaio di salti senza però avere le ripercussioni degli impatti con il corpo a terra. La pedana Vibrante è nata grazie ad uno studio sperimentale per mantenere in tono i corpi degli astronauti durante le missioni aereospaziali.

E’ stata concepita per contrastare la riduzione della densità ossea, per migliorare l’elasticità delle articolazioni e per rassodare e tonificare i muscoli. Questo perché gli astronauti nello spazio tendono a perdere proprio tutte queste caratteristiche del corpo in assenza di gravità prolungata. Oltre a questo, la pedana si è rivelata molto utile per curare tutte quelle malattie osteo-degenerative che affliggono soprattutto le persone di età avanzata. Gli studi e la letteratura scientifica confermano l’efficacia di queste pedane nel trattamento dell’osteoporosi, in quanto andrebbero a stimolare le cellule responsabili della creazione di nuovi cristalli di calcio frenando la demineralizzazione ossea.

Un esperimento scientifico condotto per sei mesi su 28 donne in post-menopausa trattate con la pedana vibrante ha evidenziato l’incremento della densità ossea. Pertanto, il trattamento può essere qualificato come una terapia alternativa per l’osteoporosi rispetto a quelle tradizionali indicate dalle linee guida.

Va evidenziato che non tutte le pedane vibranti sono uguali: solo le pedane a bassa intensità con vibrazioni sussultorie (verticali) sono efficaci nella terapia contro l’osteoporosi mentre le pedane ad alta intensità e con vibrazioni oscillatorie (laterali) sono destinate al mero esercizio sportivo. Per approfondire lo studio vedi link.

Per l’Osteoporosi è meglio la Ginnastica o le Vibrazioni?

I medici hanno detto da sempre che il miglior aiuto per chi è afflitto da osteoporosi è praticare ogni giorno un po’ di moto. Anche nei miei post precedentemente ho sottolineato l’importanza della ginnastica individuale e personalizzata nelle persone affette da osteoporosi. Si possono avere ottimi miglioramenti proprio grazie a un minimo di esercizio fisico praticato in modo costante. Per aumentare la densità ossea è opportuno fare un allenamento con sovraccarichi cioè sollevare piccoli pesi. Solo con un lavoro di questo tipo si tende a migliorare la composizione ossea.

Per cui è importante dedicare anche solo mezz’ora del proprio tempo ogni giorno alla propria ginnastica. Questo movimento però potrebbe risultare decisamente difficile da praticare a chi già soffre di osteoporosi perché la persona in questione sarà spaventata e anche i movimenti che potrà fare saranno limitati. Inoltre chi arriva a dei livelli di osteoporosi conclamata spesso è una persona che non ha mai abbracciato l’idea di fare esercizio fisico tutti i giorni. In pratica, per migliorare la propria condizione fisica, una persona affetta da osteoporosi ha come soluzione anche quella di ricorrere alle vibrazioni sussultorie della pedana vibrante.

Tuttavia, il fattore limitante risiede nel fatto che non tutti possono beneficiare degli effetti delle vibrazioni, come coloro affetti da patologie a carico del sistema osteo-articolare come ernie discali, spondilolisispondilolistesi. Escluse queste complicazioni, non sarebbe una cattiva idea avere una pedana vibrante dentro casa sulla quale poter fare tutti i giorni o tre volte alla settimana delle sedute. Si posso trovare anche in molte palestre ma come ho detto prima spesso le persone che arrivano ad uno stato di Osteoporosi conclamata è difficile che arrivino ad iscriversi in palestra e essere costanti.

Che cosa è l’allenamento vibratorio?

E’ l’allenamento che si ha usando ciclicamente la pedana vibrante.

A cosa serve? Questo tipo di allenamento serve ad aumentate la produzione di alcuni ormoni come testosterone(T) e somatotropina (GH), e diminuisce le concentrazioni di cortisolo (C)” (Bosco e coll., 2000), migliora la densità ossea, il tono muscolare e l’elasticità delle articolazioni.

Come ci si allena? È importante la postura da assumere durante la seduta. Le prime volte si consiglia di provarlo affiancati ad un Personal Trainer in modo che ti possa guidare nel mantenere la postura più corretta possibile. Se già se ne possiede una a casa basta far venire un trainer a domicilio. In generale lo squat isometrico è la posizione da favorire. La stazione eretta è sconsigliata perchè le vibrazioni non vengono assorbite dalle articolazioni delle gambe e arrivano fino alla testa dando un notevole fastidio.

Perché la pedana vibrante viene pubblicizzata poco?

Una pedana vibrante professionale può costare anche fino a 5000€ ed è una reale soluzione valida per l’osteoporosi con numerosi studi scientifici alle spalle.

Purtroppo vengono pubblicizzati molto di più gli integratori, più facili da vendere e più facili da somministrare, rispetto alle vibrazioni che hanno come handicap la costanza delle persone ed i costi di macchinari come questo. Rispetto a qualche anno fa sono disponibili sul mercato versioni di pedane vibranti più economiche, ma finché se ne parlerà poco non ci sarà mai un mercato ampio.

Ricordiamoci che gli integratori possono appesantire il lavoro dei reni o compromettere altre situazioni mentre con l’allenamento vibratorio abbiamo un effetto meccanico, uno stimolo esterno e meno invasivo.

Se questo articolo ti è stato utile condividilo con i tuoi amici. Contattami ora se vuoi prenotare il tuo primo allenamento personalizzato di ginnastica posturale a domicilio con il mio Metodo Postural Home.

Come funziona un allenamento di Ginnastica Posturale a domicilio?

  • 1°seduta: si valuta l’obiettivo sul quale lavorare, misurazioni e si comincia;
  • Seduta dopo seduta porto diversi attrezzi da poter gestire facilmente a casa;
  • Si restringe il cerchio degli esercizi, valutando quelli più indicati e che gratificano di più;
  • Dopo una decina di sedute in genere si cominciano a percepire i primi risultati;
  • Ogni lezione cambia a seconda della persona.

Richiedimi maggiori informazioni o prenota il tuo 1°appuntamento!